servizi
 

CLASS - N. 259 - Novembre 2007

Meglio il Tato o la Tata
di Chiara Cantoni

IN INGHILTERRA È il momento del Manny, ovvero del baby-sitter maschio che gioca e si occupa dei bambini come un vice-papà. Ma non tutti sono d’accordo su questa nuova figura. Ecco che cosa ne pensano gli esperti, con i consigli giusti per trovare la nanny (o il manny) su misura
.
tratto dall'articolo:

..."serviamo clienti in Italia e all'Estero da circa 15 anni" racconta Marco Mantovani, titolare dell'agenzia Selinaut, leader nazionale nella fornitura e amministrazione di personale domestico. " Eppure non ci è mai stato chiesto un baby-sitter maschio"

.....Consultare un’agenzia specializzata, che garantisca qualità e affidabilità del servizio, può aiutare a evitare passi falsi. «Quello delle baby sitter è un compito delicato. A loro viene affidato il bene più prezioso: i figli», spiega Mantovani. «Per questo selezioniamo il personale col massimo rigore: controlliamo che abbiano esperienza e una pronuncia corretta dell’italiano. Valutiamo positivamente la conoscenza delle lingue, ma soprattutto la stabilità delle posizioni precedenti. I profili individuali vengono inseriti nel nostro database solo dopo aver verificato nel dettaglio ogni referenza. In base al tipo di richieste pervenute, procediamo a organizzare gli incontri fra tate e genitori. Se l’esito del colloquio è positivo, ci occupiamo delle pratiche amministrativo-contrattuali, alleggerendo la famiglia di ogni aspetto burocratico.

I costi variano in rapporto al profilo richiesto: «Più contenuti per le babysitter tradizionali, più consistenti per figure professionali di scarsa reperibilità, come puericultrici o istitutrici di stampo anglosassone»...

 
Selinaut - PIVA 10544600157